HOME PAGE

Presupposti        Oggetto        Esecuzione del preliminare        Effetti        Prescrizione

 

 

AZIONE REVOCATORIA

Nozione.

L’azione revocatoria (insieme all’azione surrogatoria e al sequestro conservativo) rientra tra i mezzi legali di conservazione della garanzia patrimoniale. Gli atti con cui il debitore dispone dei suoi beni, qualora siano tali da diminuire la garanzia patrimoniale, costituiscono il presupposto per il riconoscimento al creditore dell’azione revocatoria.

Ai sensi dell’art. 2901 c.c “Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio con i quali il debitore rechi pregiudizio alle sue ragioni”. L’azione revocatoria è ancora oggi chiamata azione pauliana  (deriva dall’actio Pauliana del diritto romano).

Funzione dell’azione è quella di tutelare il creditore contro gli atti dispositivi che mettono in pericolo la garanzia patrimoniale del debitore.

Il potere revocatorio ha natura di diritto potestativo, e, precisamente, di diritto potestativo di diritto processuale essendo necessario il ricorso al giudice.