HOME PAGE                                     ARCHIVIO SENTENZE CORTE DI CASSAZIONE

Ordinanza 11470/2019
 

 

 


Parte ammessa al gratuito patrocinio a spese dello stato - Impugnazione sentenza sfavorevole - Nuova istanza di ammissione al patrocinio per la fase successiva del giudizio

La disposizione di cui all'art. 120 d.P.R. n. 115 del 2002 non preclude alla parte ammessa al patrocinio a spese dello Stato, che sia rimasta soccombente nel giudizio di primo grado, di giovarsi del medesimo istituto anche nel giudizio di impugnazione avverso la pronuncia a sé sfavorevole, purché, in presenza delle condizioni necessarie, proponga nuova istanza di ammissione al beneficio. (Nella specie, il giudice del merito aveva invece ritenuto che l'art. 75, comma 1, d.P.R. n. 115 del 2002 trovasse applicazione, nel processo di impugnazione, nel solo caso in cui la parte ammessa al patrocinio a spese dello Stato fosse risultata vincitrice nel giudizio di primo grado e dovesse contrastare il gravame).

Corte di Cassazione, Sezione 2 civile, Ordinanza 30 aprile 2019, n. 11470    (CED Cassazione 2019)

 

 

 

FATTI DI CAUSA

1. Il Presidente delegato della Corte d'appello di Milano, con ordinanza pubblicata in data 11 marzo 2015, ha rigettato l'opposizione proposta ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 170 dall'avv. (OMISSIS) avverso il provvedimento con il quale era stata rigettata la richiesta di liquidazione del compenso per l'attività difensiva prestata in favore di (OMISSIS), già ammessa al patrocinio a spese dello Stato e rimasta soccombente nel giudizio di primo grado. Nell'interesse della (OMISSIS), infatti, l'avv. (OMISSIS) aveva proposto appello avverso la sentenza del Tribunale di Milano n. 1034 del 2009, previa autorizzazione del competente Consiglio dell'ordine.

2. Il giudice dell'opposizione ha rigettato la richiesta di liquidazione ritenendo che il disposto di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 75, comma 1, trovi applicazione, nel processo d'impugnazione, nella sola ipotesi in cui la parte ammessa al patrocinio a spese dello Stato sia risultata vincitrice e debba contrastare il gravame.

3. Per la cassazione del provvedimento indicato l'avv. (OMISSIS) ricorre ai sensi dell'articolo 111 Cost., comma 7. Il Ministero della giustizia ha depositato atto di costituzione finalizzato alla partecipazione alla discussione. Il pubblico ministero ha depositato conclusioni scritte con richiesta di accoglimento del ricorso.

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con l'unico motivo è denunciata la violazione della normativa sul patrocinio a spese dello Stato di cui al Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 n. 2002, in particolare dell'articolo 120, e si contesta l'affermazione secondo cui la norma indicata circoscriverebbe l'operatività dell'istituto del patrocinio a spese dello Stato in fase di impugnazione al solo caso in cui la parte ammessa al beneficio sia risultata vincitrice nel precedente grado di giudizio.

2. La doglianza è fondata.

2.1. La disposizione di cui all'articolo 120 Decreto del Presidente della Repubblica cit., che preclude alla parte ammessa e rimasta soccombente di giovarsi dell'ammissione al patrocinio a spese dello Stato ottenuta in primo grado al fine di proporre impugnazione, non può essere ragionevolmente interpretata nel senso di consentire alla sola parte risultata vincitrice in primo grado di poter beneficiare dell'istituto in questione. Una tale interpretazione, che peraltro non trova giustificazione nel tenore letterale della norma, sarebbe incompatibile con il principio di difesa sancito dall'articolo 24 Cost. con riferimento ad ogni stato e grado del procedimento.

Diversamente da quanto affermato nel provvedimento qui impugnato, si deve ritenere che la parte ammessa al beneficio a spese dello Stato che intenda impugnare la sentenza a sè sfavorevole deve potersi giovare dell'istituto del patrocinio a spese dello Stato, sempre che ricorrano le condizioni necessarie per essere ammessi al beneficio in questione con riferimento al giudizio di impugnazione, e poichè il provvedimento di ammissione al patrocinio a spese dello Stato che si riferisca ad un grado di giudizio non può automaticamente estendere i suoi effetti alla successiva fase, diventa necessario, in caso di soccombenza della parte ammessa, proporre una nuova istanza di ammissione al beneficio.

2.2. Nel caso in esame, la parte già ammessa al patrocinio a spese dello stato e risultata soccombente in primo grado, aveva presentato nuova istanza di ammissione ai fini dell'esperimento dell'impugnazione, che era stata accolta dal Consiglio dell'ordine degli avvocati di Milano. Sussistono pertanto i requisiti per fare luogo alla liquidazione del compenso al difensore.

3. All'accoglimento del ricorso segue la cassazione del provvedimento impugnato con rinvio al giudice designato in dispositivo, il quale provvederà anche a liquidare le spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa il provvedimento impugnato e rinvia, anche per le spese del presente giudizio, alla Corte d'appello di Milano, in persona di diverso magistrato.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Seconda sezione civile della Corte Suprema di Cassazione, in data 19 dicembre 2018.