HOME PAGE                                     ARCHIVIO SENTENZE CORTE DI CASSAZIONE

Ordinanza 34552/2019


 

 

Azione di ripetizione d'indebito oggettivo ex art. 2033 c.c. esperita dalla P.A. con il procedimento d'ingiunzione di cui all'art. 2 del r.d. n. 639 del 1910  –

L'azione di ripetizione d'indebito oggettivo, ove esperita dalla P.A. (nella specie, per il recupero di somme pagate a dipendente pubblico nell'ambito del rapporto di lavoro), può essere esercitata con il procedimento d'ingiunzione di cui all'art. 2 del r.d. n. 639 del 1910, applicabile non solo alle entrate strettamente di diritto pubblico, ma anche a quelle di diritto privato, senza che occorra la preventiva adozione di un autonomo provvedimento che accerti e quantifichi il debito restitutorio.

Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, Ordinanza 27 dicembre 2019, n. 34552   (CED, Cassazione, 2019)

 

 

 

RITENUTO

1. Che la Corte d'Appello di Reggio Calabria, con la sentenza n. 544 del 2014, ha accolto l'appello proposto dall'Autorità Portuale di Gioia Tauro nei confronti di (OMISSIS) avverso la sentenza resa tra le parti dal Tribunale di Palmi e rigettato l'originaria domanda della lavoratrice.

2. La (OMISSIS) aveva adito il Tribunale proponendo opposizione, ai sensi del Regio Decreto n. 639 del 1910, avverso l'ordinanza ingiunzione con la quale le era stata chiesta la restituzione dell'incentivo corrispostole ai sensi della L. n. 109 del 1994, articolo 18.

3. La Corte d'Appello, dopo aver richiamato il contenuto normativo del suddetto articolo 18, ha affermato che la (OMISSIS) responsabile del settore Affari generali e personale, quadro A, del CCNL lavoratori dei porti, era stata destinataria di tale compenso non perchè facente parte di una delle categorie indicate dal citato articolo 18, direttamente interessate o coinvolte nella progettazione, ma perchè, come era pacifico tra le parti, definita "collaboratore del responsabile della programmazione", essendo individuato come responsabile della programmazione il Presidente dell'Autorità portuale, ossia l'Organo di vertice dell'Autorità stessa.

L'attività di programmazione, come si evinceva dalla determinazione n. 57/2007 della Corte dei Conti, era un'attività di carattere politico-amministrativo eterogenea rispetto a quella tecnico-professionale prefigurata dalla previsione legislativa.

Il giudice di appello disattendeva anche la censura relativa all'uso dell'ordinanza ingiunzione per il recupero delle somme in questione.

4. Per la cassazione della sentenza di appello ricorre la (OMISSIS) prospettando tre motivi di impugnazione.

5. Resiste l'Autorità portuale di Gioia Tauro con controricorso.

6. La ricorrente ha depositato memoria in prossimità dell'adunanza camerale.

CONSIDERATO

1. Che con il primo motivo di ricorso è dedotto error in iudicando. Violazione e falsa applicazione della L. n. 109 del 1994, articolo 18 (articolo 360 c.p.c., n. 3). Sulla fondatezza della sentenza impugnata nella parte in cui la Corte d'Appello ha ritenuto che le previsioni della L. n. 109 del 1994, articolo 18, non trovino applicazione con riferimento all'attività di programmazione dei lavori pubblici.

Assume la ricorrente che come affermato dalla giurisprudenza amministrativa non va escluso dall'incentivo il personale che si occupa della programmazione dei lavori pubblici, ai sensi della L. n. 109 del 1994, articolo 14, atteso che si tratta di un beneficio volto ad incentivare tutto il personale cui l'amministrazione di appartenenza abbia attribuito compiti o funzioni finalizzati o comunque serventi alle attività di progettazione, e più in generale di realizzazione dell'opera pubblica.

Essa ricorrente come affermato dalla sentenza di primo grado aveva percepito il compenso in ragione dello svolgimento di attività tecnico-professionali quale collaboratore del responsabile della programmazione, e che quindi la sua attività aveva contribuito alla progettazione delle opere e dei lavori previsti dall'Autorità portuale. Nè tale compenso poteva venire meno in ragione del venir meno dell'attribuzione dell'incentivo ai responsabili della programmazione, in ragione dell'annullamento della relativa disposizione del regolamento dell'Autorità portuale.

1.1. Il motivo non è fondato.

La L. n. 109 del 1994, articolo 18, applicabile ratione temporis, sancisce che una somma (...) è ripartita, per ogni singola opera o lavoro, con le modalità ed i criteri previsti in sede di contrattazione decentrata ed assunti in un regolamento adottato dall'amministrazione, tra il responsabile unico del procedimento e gli incaricati della redazione del progetta, del piano della sicurezza, della direzione dei lavori, del collaudo nonchè tra i loro collaboratori.

Come questa Corte ha già affermato (Cass., n. 13937 del 2017) in tema di trattamento economico del personale degli uffici tecnici incaricati della progettazione di opere pubbliche, il compenso incentivante di cui alla L. n. 109 del 1994, articolo 18, sia nella formulazione originaria che in quella derivata dalle successive modifiche, può essere attribuito se previsto dalla contrattazione collettiva decentrata e sia stato adottato l'atto regolamentare dell'amministrazione aggiudicatrice, volto alla precisazione dei criteri di dettaglio per la ripartizione delle risorse finanziarie confluite nell'apposito "fondo interno", e solo ove l'attività di progettazione sia arrivata in una fase avanzata, per essere intervenuta l'approvazione di un progetto esecutivo dell'opera da realizzare.

La norma specifica i destinatari dell'incentivo e tal ambito non può essere esteso, come richiede la ricorrente.

Facendo applicazione dei principi già enunciati da questa Corte con l'ordinanza n. 21424 del 2019, con riguardo all'articolo 92 (la cui rubrica reca "corrispettivi, incentivi per la progettazione e Fondi a disposizione delle stazioni appaltanti") del Decreto Legislativo n. 163 del 2006, va affermato che la L. n. 109 del 1994, articolo 18, nel riconoscere ai dipendenti pubblici un compenso ulteriore e speciale, deroga alla disciplina generale dettata dal Decreto Legislativo n. 165 del 2001, che, quanto ai dirigenti, sancisce, all'articolo 24, il principio dell'onnicomprensività della retribuzione e, per il restante personale, prevede, all'articolo 45, che il trattamento economico, fondamentale ed accessorio, è quello previsto dalla contrattazione collettiva (con i limiti indicati dallo stesso decreto per la contrattazione decentrata).

La suddetta disposizione, pertanto, non è suscettibile di interpretazione analogica, ed inoltre della stessa non può essere fornita un'esegesi che, in contrasto con la ratio legis, finisca per estendere il beneficio anche ad attività che il legislatore non ha inteso espressamente includere fra quelle meritevoli di incentivazione.

La Corte d'Appello, con accertamento di fatto non adeguatamente censurato, ha rilevato che la ricorrente non rientrava nelle categorie destinatarie dell'incentivo.

Ed infatti, la ricorrente non contesta di essere stata collaboratore del responsabile della programmazione, nè contesta in modo circostanziato l'accertato mancato esperimento di attività direttamente interessata o coinvolta nella progettazione, limitandosi a richiamare in merito la sentenza di primo grado, riformata dalla Corte d'appello.

2. Con il secondo motivo di ricorso è dedotto error in procedendo ed error in iudicando. Violazione e falsa applicazione del Regio Decreto n. 639 del 1910, articolo 2 e della L. n. 84 del 1994, articolo 13 (articolo 360 c.p.c., nn. 5 e 3). Sulla infondatezza della sentenza impugnata nella parte in cui la Corte d'Appello ha ritenuto utilizzabile ai fini del recupero delle somme contestate la procedura prevista dal Regio Decreto n. 639 del 1910.

La ricorrente, affermando di aver tempestivamente introdotto la questione, censura la statuizione della Corte d'Appello che ha ritenuto correttamente utilizzata la procedura dell'ordinanza ingiunzione per il recupero del credito in questione, atteso che la stessa può trovare applicazione solo per la riscossione coattiva di proventi diversi rispetto a quelli vantati dal lavoratore, come si evince, tra l'altro, dalla L. n. 84 del 1994, articolo 13.

2.1. Il motivo non è fondato trovando applicazione il principio, già affermato da questa Corte, secondo cui l'azione di ripetizione d'indebito oggettivo, ove esperita dall'Amministrazione, può essere esercitata con il procedimento d'ingiunzione di cui al Regio Decreto 14 aprile 1910, n. 639, articolo 2, applicabile non solo alle entrate strettamente di diritto pubblico, ma anche per quelle di diritto privato, senza che occorra la preventiva adozione di un autonomo provvedimento che accerti e quantifichi il debito restitutorio (Cass., n. 13139 del 2006).

Pertanto, l'elencazione di cui alla L. n. 84 del 1994, articolo 13, richiamata dalla ricorrente, relativa alle entrate delle Autorità portuali, non condizione l'esperimento della procedura di ordinanza ingiunzione rispetto alla ripetizione di indebito costituito dall'incentivo della L. n. 104 del 1999, ex articolo 18, erroneamente corrisposto al lavoratore.

3. Con il terzo motivo di ricorso è prospettato error in iudicando. Violazione e falsa applicazione del Regio Decreto n. 639 del 1910, articolo 2 (articolo 360 c.p.c., n. 3). Violazione e falsa applicazione della L. n. 241 del 1990, articolo 3 (articolo 360 c.p.c., n. 3). Sulla infondatezza della sentenza impugnata nella parte in cui la Corte d'Appello ha ritenuto infondato l'eccepito difetto di motivazione dell'atto d'ingiunzione adottato dall'Autorità Portuale.

Assume la lavoratrice che l'atto di ingiunzione non conteneva alcuna spiegazione sulle ragioni giuridiche sottese alla decisione adottata, in violazione del principio di motivazione.

3.1. Il motivo non è fondato.

La Corte d'Appello correttamente ha disatteso la censura atteso che, in sede di opposizione, l'opposto costituitosi può indicare le ragioni dell'atto opposto.

Come questa Corte ha già avuto modo di affermare, l'Amministrazione, convenuta in giudizio di opposizione ad ingiunzione del Regio Decreto n. 639 del 1910, ex articolo 3, per l'accertamento di un credito riconducibile ai rapporti obbligatori di diritto privato, assume la posizione sostanziale di attrice, sicchè, ai sensi dell'articolo 2697 c.c., è tenuta a fornire la prova dei fatti costitutivi della propria pretesa, mentre l'opponente deve dimostrare la loro inefficacia ovvero l'esistenza di cause modificative o estintive degli stessi (Cass., n. 9989 del 2016).

Peraltro, questa Corte a Sezioni Unite (Cass., S.U., n. 2874 del 1998) ha già avuto modo di affermare che l'ingiunzione di cui al Regio Decreto 14 aprile 1910, n. 639, articolo 2, è sufficientemente motivata se contiene gli elementi necessari per porre l'ingiunto in grado di conoscere la somma richiesta e la relativa causale, e per consentirgli così di opporre adeguate contestazioni.

In proposito, si rileva che la stessa ricorrente a pag. 3 del ricorso (punto 3 del Fatto del ricorso) espone che l'ordinanza ingiunzione notificatele disponeva il recupero delle somme percepite "a titolo di incentivo della L. n. 109 del 1994, ex articolo 18, per attività svolta quale collaboratore dei responsabili della programmazione", così indicando il proprio oggetto.

4. Il ricorso va rigettato.

5. Le spese seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna la ricorrente al pagamento delle spese di giudizio che liquida in Euro 6.000,00, per compensi professionali, Euro 200,00, per esborsi, oltre spese generali in misura del 15% e accessori di legge.

Ai sensi del d.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell'ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quelle previsto per il ricorso, a norma del cit. art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella adunanza camerale del 29 ottobre 2019.